I Rufioi di Costeggiola

.. E anche quest’anno ritornano i ‘Rufioi di Costeggiola’

Il ‘Rufiolo di Costeggiola’ è un dolce riconosciuto come prodotto agroalimentare tradizionale (d.lgs. 22 luglio 2004, n. 144), le sue peculiari caratteristiche sono la genuinità e il sapore caratteristico che lo contraddistinguono da qualsiasi altro prodotto simile.

I ‘Rufioi di Costiola’ sono un dolcetto tipico della nostra frazione di Costeggiola di Soave, che vengono preparati per tutto il periodo di carnevale, ma da oltre mezzo secolo si associa anche la festa di Sant’Antonio Abate, il nostro santo patrono del paese, protettore degli animali.

La sua storia:

La nascita del ‘Rufiolo’ di Co10012011057steggiola avviene tra la fine del 1800 e gli inizi del 1900 nelle case contadine del paese di Costeggiola, frazione a 3 km di Soave. Inizialmente, a causa della povertà economica, il ‘Rufiolo’ veniva prodotto con ingredienti di recupero e successivamente cotti in brodo, solo successivamente è stato realizzando un dolcetto ristemandone un pò gli ingredienti ed equilibrio, utilizzando ingredienti più nobili come i pinoli, credini, mandorle e amaretti con un tocco di Rhum. Alla fine della seconda guerra mondiale, nel paese di Costeggiola,  il 17 gennaio si iniziò a festeggiare il Santo patrono Sant’Antonio Abate protettore degli animali, organizzando  la sagra dedicata e nominata anche dei ‘Rufioi’. Una manifestazione  che si ripete ogni anno e ove la tradizione vuole che nei giorni della festa la comunità prepari il dolcetto tipico per accompagnarli a un buon bicchiere di Soave.

 

 

 

 

Questo dolcetto lo potrete trovare presso il nostro ristorante accompagnato con un buon calice di Recioto di Soave Docg, dove sembra proprio studiato per sposare al meglio il proprio sapore, o presso il Mini Market Flora per la vendita a vassoi. La nostra produzione, è storicamente più prolungata, e lo potrete trovare per tutto il periodo di carnevale, dove insieme a dei galani o frittelle ne risaltano il gusto.

 

Please follow and like us: